Scuola di formazione per acconciatori ed estetiste Joy

di Lorella Aiello

Uno degli elementi fondamentali per diventare un’estetista o un acconciatore professionale è il background formativo mirato, che si può ottenere seguendo corsi specializzati e riconosciuti a livello istituzionale. Per poter intraprendere questo lavoro in maniera competente e sicura e rispondere alle esigenze di una clientela attenta  al benessere del proprio corpo e alla propria immagine, è necessario un approccio consapevole e una preparazione ricercata in settori come la dermatologia, l’anatomia, la profilassi igienica e le normative di sicurezza, che non lasciano spazio a chi pensa di potersi approcciare al settore in modo superficiale. Occorre avere grande passione per la cura del corpo, grande manualità e una buona predisposizione al contatto con la clientela, con cui instaurare un vero e proprio rapporto di fiducia. Le scuole di formazione professionale favoriscono l’acquisizione delle competenze pratiche, specifiche, e delle abilità necessarie che col tempo, l’esperienza e l’aggiornamento costante possono affinarsi.

“Per i ragazzi la formazione – spiega la sig.ra Mariella, dirigente scolastica – è il primo passo importante per poter intraprendere, con successo, il lavoro che li appassiona. La Scuola di formazione  per acconciatori ed estetiste“Joy” offre l’opportunità di formare gli allievi attraverso percorsi mirati, allo scopo di favorire l’immediato inserimento nel mondo del lavoro. Accreditata presso la Regione Campania, la scuola organizza, sia per gli acconciatori sia per le estetiste, due corsi di formazione che prevedono un piano di studi biennale, con il quale si consegue la qualifica professionale necessaria per chi opta per il lavoro dipendente e un corso annuale di specializzazione per chi sceglie di voler lavorare in proprio. I titoli sono rilasciati dalla Regione Campania e tradotti in 4 lingue, consentendo, a chi fosse interessato, di lavorare anche all’estero”.

estetica2-420x210

Quali sono le materie che si studiano?

“Come previsto dalla normativa vigente, il piano didattico si suddivide in materie teoriche e pratiche. Queste ultime rappresentano la parte di maggiore importanza per la formazione sia dei parrucchieri sia delle estetiste. Grazie alla professionalità dei docenti che affiancano gli allievi in aula e durante i laboratori, trattiamo ogni argomento puntando al coinvolgimento di  tutta la classe. L’aspirante estetista impara ad utilizzare apparecchiature e strumenti per la cura della pelle, l’igiene del viso e del corpo e quelli utili per  effettuare trattamenti dimagranti; segue lezioni dedicate al trucco basico, da sposa, correttivo, cinematografico, e quelle sui massaggi, tra cui quello linfodrenante. Allo stesso modo l’aspirante acconciatore studia la tecnica del taglio basico, del colore, impara elementi di cosmetologia, anatomia, tricologia, che gli permetteranno di poter accontentare le richieste della clientela, anche di quella esigente attenta alle nuove tendenze,  scegliendo di volta in volta i trattamenti giusti e rispettando la salute della cute e dei capelli”.

Quali sono i requisiti di accesso alla scuola?

“I corsi sono aperti a tutti coloro che hanno assolto l’obbligo scolastico. Non sono solo i giovanissimi a frequentare i corsi, perchè la scuola offre gli strumenti per poter lavorare subito dopo aver conseguito la qualifica professionale”.

diventa_estetista-390x260

Ci sono temi verso cui è più alto il livello di interesse degli allievi rispetto ad altri?

“A volte gli studenti manifestano la loro attitudine e la loro passione verso alcuni argomenti e tecniche facendo una selezione delle materie che prediligono e mostrando un interesse che rappresenta un buon punto di partenza per la formazione, che naturalmente si estende allo studio di tutte le tematiche necessarie per lavorare, oltre a quelle preferite.  Il nostro metodo di insegnamento, infatti, punta a dare una formazione completa che facilita l’ingresso nel mondo del lavoro, a differenza di una selettiva, mirata esclusivamente a svolgere solo alcune delle attività connesse a queste professioni. Favoriamo l’apprendimento pratico di tecniche che consentiranno agli allievi di distinguersi per l’alto livello di professionalità e diamo spazio all’esperienza, che rende gli allievi consapevoli e capaci di poter scegliere come intervenire e quali trattamenti consigliare ai clienti. Essere parrucchiere ed estetista significa essere anche un consulente di immagine, di bellezza e di salute, che offre soluzioni mirate per ottenere i risultati richiesti”.

C’è un canale diretto tra la scuola e le offerte di lavoro locali?

“Sì. Riceviamo richieste di lavoro da parte di imprenditori che sono alla ricerca di personale specializzato, che ha già acquisito competenze specifiche, preferendo l’inserimento nell’ambiente lavorativo di figure già formate piuttosto che aspiranti alle prime armi”.

Quale consiglio può dare alle giovani leve che sono alla prima esperienza lavorativa?

“Tutti coloro che hanno intenzione di diventare acconciatore o estetista dovrebbero innanzitutto pensare alla formazione e allo studio, perché solo in questo modo potranno affrontare questo lavoro, sia esso autonomo o dipendente. È impensabile lavorare senza aver acquisito l’esperienza sul campo e un approccio consapevole,caratteristiche che preservano la salute del cliente e che garantiscono un servizio di elevato valore professionale”.